venerdì 30 maggio 2014

Per le future spose... Wedding planner della vostra dieta, da 12 mesi prima fino al giorno delle nozze!!!

Ah, l'amore... Ammettiamolo, anche il cuore della più algida delle donne batte forte quando l'amato pronuncia la fatidica frase... "Mi vuoi sposare?". O anche, perché no, quando è ella stessa a fare la fatidica proposta!
E dopo appena 15 secondi di smarrimento, le rotelline del nostro cervello si mettono in moto, e si incomincia ad immaginare come dovrà essere ogni più insignificante dettaglio di quel giorno.
Ed è inevitabile... Prima o poi il panico della dieta scatta!
Chi ha paura di ingrassare, chi di dimagrire, chi vuole rivoluzionare la propria linea...
E così si passa da quelle donne che decidono di iniziare immediatamente dieta e palestra, a chi aspetta l'ultimo secondo, a chi rimanda a "metà strada" il ricorso ad un'alimentazione più corretta (o ad una dieta stile "7 chili in 7 giorni"!), a chi si affida alla sorte.
Oggi ho deciso di dedicare un post a tutte le future spose, a quelle più previdenti e a quelle che lo sono meno, dove non solo cercherò di dare qualche consiglio per mantenere o perdere un po' di peso, ma anche per evitare fastidiosi inconvenienti causati dal cibo il giorno tanto atteso.

Da 12 a 6 mesi prima delle nozze
Se fino a questo momento non siamo mai state molto attente alla nostra alimentazione, quale occasione migliore per iniziare a farlo? D'altra parte, ora abbiamo un valido motivo!
Sapete molto bene che sono contraria per principio al ricorso a programmi alimentari "strutturati", cioè alle classiche diete, ma se siamo proprio tentate e crediamo di aver bisogno di perdere diversi chili questo è il momento di rivolgersi ad un esperto. Avendo più tempo a disposizione non solo faremo meno danni (fisici e mentali) dovuti a drastici cambiamenti di peso, ma daremo tempo alle nostre forme e alla nostra pelle di adattarsi ai cambiamenti, ricorrendo anche ad una regolare e mirata attività fisica. Inoltre, le diete "striminzite" ci rendono stressate, nervose ed irritabili... L'ultima cosa che ci vuole!
Non trascuriamo poi un dettaglio importante: se vogliamo modificare la nostra figura, aspettiamo un po' di tempo prima di scegliere l'abito! 
Se invece il nostro peso va bene così e, anzi, vogliamo evitare di ingrassare/dimagrire a causa dello stress da preparativi, cominciamo a modificare gradualmente le nostre abitudini alimentari, cercando di consolidarle consapevolmente, così da essere immuni (o quasi!) ai "disastri alimentari" delle ultime settimane.
Mangiamo in modo regolare, come numero di pasti e come orari, evitiamo di appesantirci o di digiunare, eliminiamo i fuori pasto "a tutte le ore" ma concediamoci un paio di spuntini ogni giorno. Creare una piccola routine ci aiuterà a gestire meglio la fame nervosa e/o la perdita di appetito nei momenti più "intensi" dei preparativi.
Eliminiamo pian piano dalla nostra dispensa quei cibi "inutili", come merendine, dolciumi, fritti, precotti, intingoli e altre cosette del genere. Per capirci, aboliamo quanto più possibile i prodotti industriali, e facciamo incetta di cereali, verdure, frutta, pesce, legumi. Cerchiamo di evitare i cibi troppo grassi e, se possibile, consumiamo meno pasti possibile fuori casa.
Approfittiamo inoltre per rileggere tutti i post precedenti del blog per carpire i segreti della corretta alimentazione (così evito pure di ripetermi, eheheh!!!) e iniziamo a praticare una regolare attività fisica. Quella che ci piace, che ci fa divertire, non quella più faticosa. Sarà utilissima anche per scaricare la tensione e migliorare il nostro umore!

Da 6 a 3 mesi prima delle nozze
E' il momento di capire a che punto siamo con il nostro peso e/o con la nostra nuova alimentazione: se stiamo seguendo una dieta, come sta andando? Se abbiamo solo cercato di migliorare le nostre abitudini, siamo riuscite a consolidarle o siamo ancora in difficoltà?
Il tempo stringe e l'ansia aumenta, ma evitiamo "colpi di testa". Niente diete che promettono miracoli (rischiamo non solo di rovinare la nostra figura e di diventare isteriche, ma anche di sentirci male, cosa che obiettivamente sarebbe poco pratico e ci farebbe perdere un sacco di tempo!), e niente ritorno al cibo spazzatura per sfogarci. Ricordiamo che mangiare bene aiuta il nostro cervello a funzionare meglio, per cui saremo più efficienti e più tranquille e serene mangiando come si deve!
E a proposito di serenità e tranquillità, ecco alcuni accorgimenti alimentari che possono aiutarci in questo senso:
- assumiamo quantità sufficienti di sali minerali e vitamine, in particolare vitamine del gruppo B (tra cui anche l'acido folico), ferro e magnesio. Li troviamo ad esempio nei cereali, nelle carni, nei legumi, nelle uova, nelle verdure a foglia larga, nella frutta secca. Aiuteranno il nostro umore. Una piccola dritta: se tendiamo ad essere un po' anemiche, non sforziamoci di mangiare quintali di carne. Anzi, eccedere in questo senso può "disabituare" il nostro organismo ad assimilare il ferro dei vegetali. Facciamo piuttosto attenzione a consumare poco caffè, poco tè, ad accompagnare i pasti con alimenti ricchi di vitamina C (lattuga, peperoni, fragole,...), a non eccedere con gli alimenti ricchi di fibra (come crusca, alimenti a base di farina integrale); questi semplici "trucchi" miglioreranno l'assorbimento del ferro.
- il pesce ci fa bene! Gli omega 3 in esso contenuti (specie nei pesci più grassi) migliorano l'umore e riducono il nervosismo e l'aggressività.
-attenzione ai dolci e allo zucchero in generale: sul momento possono darci la sensazione di "calma e benessere", ma è facile cadere nel tranello del "craving": ovvero, nervosismo e malumore da dipendenza da dolci. Assumere pasticcini e dolciumi vari raramente è la cosa migliore, anche perché in vista delle nozze non vogliamo certo ingrassare a vista d'occhio (ed ingrassare con i dolci è davvero questione di poco tempo, quando si perde il controllo...)!
- cerchiamo di evitare i cibi e le bevande da fast food: ora più che mai, ricordate di stare alla larga da patatine, salse, hamburger vari, coca cola e affini... Una volta ogni tanto ci può anche stare, ma non buttiamoci su questi cibi perché arriviamo stremate dagli impegni alla sera e non abbiamo voglia di cucinare! Piuttosto prepariamoci per l'evenienza e teniamo in freezer o in frigorifero cibi più sani che possiamo scaldare o cucinare velocemente, oppure, se usciamo a cena, ordiniamo le cose più sane e meno complicate che appaiono in menù! Attenzione anche alla pizza: va bene mangiarla, ma non di continuo e, soprattutto, se la sera abbiamo in programma di cenare con una bella pizza a pranzo mangiamo un secondo con un contorno, evitando magari i primi e di eccedere con il pane.

Da 7 giorni prima al giorno delle nozze
Nessuno ve lo dirà, ma la realtà è questa. In questa settimana, nonché nel gran giorno stesso, un po' della nostra attenzione deve essere data all'evitamento di tutti quei fastidi e problemi dovuti all'ingestione di cibo avariato e/o contaminato o a cui avete avuto reazioni particolari in passato (sì, avete capito ma io ve lo scrivo lo stesso: diarrea, vomito, meteorismo, eruzioni cutanee...).
Non servirà armarci di kit da piccolo chimico, ma seguire questi semplici consigli, in particolare in estate:
- evitiamo di consumare cibi crudi o poco cotti specialmente fuori casa, come salse, creme, uova crude o poco cotte (incluse preparazioni come tiramisù, maionese, eccetera). Attenzione soprattutto a pesce o carne crudi.
- rimandiamo a dopo le nozze esperimenti culinari, ristoranti nuovi e cucine esotiche che non conosciamo.
- se abbiamo il sospetto che un alimento sia avariato, se ha un odore o un sapore strano, non corriamo il rischio ed evitiamo di mangiarlo.
- soprattutto in estate, evitiamo di consumare cibi che non siano stati adeguatamente conservati al fresco. Attenzione anche ai cibi venduti nei bar e a tutto quello che mangiamo in spiaggia.
- laviamo accuratamente frutta e verdura.
- evitiamo i cibi e le bevande troppo freddi, soprattutto in estate.
- evitiamo quei cibi che sappiamo o sospettiamo possano crearci fastidi.
- il giorno prima del matrimonio consumiamo pasti regolari e leggeri, cenando magari con un po' di anticipo per digerire (e quindi dormire) meglio e per non essere appesantite al mattino. Evitiamo anche le "sbronze del giorno prima", lo stress accumulato potrebbe causare un recupero molto più lungo di quello che ci aspettiamo e, quindi, farci svegliare ancora un po'... così!
- il giorno del matrimonio non saltiamo la colazione: non vorremo certo svenire sul più bello, o permettere che rumorosi brontolii di stomaco facciano eco al prete (o al sindaco)! Magari alziamoci con qualche minuto di anticipo e, con più calma possibile, mangiamo qualcosa che ci piaccia, di leggero, ma considerando che dovremo arrivarci fino all'ora di pranzo. Non esageriamo con il caffè: non solo per il nervosismo, ma anche per evitare che il nostro intestino si metta in moto più del dovuto!

Care sposine, spero di essere stata esaustiva e, soprattutto, di avervi dato consigli che vi saranno utili ad affrontare questo periodo, stressante ma molto romantico, in modo migliore e più sereno!
Come sapete sono qui per rispondere a domande, accettare suggerimenti e ascoltare le vostre riflessioni.
Vi aspetto, e... In bocca al lupo! ;)

venerdì 21 marzo 2014

Missione verdura! (Vi salverò dalle diete di primavera...)

Cari amici, sì, sono ancora viva!
Lo ammetto, mi piaceva leggere "Arriva Natale" (titolo del post precedente!) quando aprivo il mio blog... E invece siamo a Marzo, ed è per me (decisamente) ora di tornare qui, in vostro soccorso, a salvarvi dalla tentazione di ricorrere alle diete "di primavera", quelle diete semi-drastiche di cui si sente il bisogno quando, ahimè, ci si tolgono cappotti e maglioni informi... E' sempre un momento difficile, lo so bene!
Comunque, date le temperature tutt'altro che miti (almeno dalle mie parti...), possiamo muoverci con un certo anticipo e rendere un po' meno traumatica la cosa.
Sapete bene che a me piace darvi quei piccoli consigli, quasi dei "trucchi", che potete facilmente attuare nella vita di tutti i giorni per migliorare la vostra alimentazione, e oggi voglio "svelare" un segreto a chi di voi vuole perdere qualche chiletto (o evitare di prenderne qualcuno di troppo!): se ad ogni pasto aggiungerete almeno una porzione di verdure, cotte o crude (chiaramente ragionevolmente condite!), non solo vi sentirete estremamente meglio, ma questo semplice accorgimento vi aiuterà a non prendere peso.

La domanda sorge spontanea... Come può fare una persona con poco tempo a disposizione per cucinare e/o che non ami particolarmente la verdura? E come si fa a non "stufarsi" di mangiarla così spesso?


1: LE VERDURE NON SONO SOLO QUELLE A FOGLIA VERDE!
Quando si parla di verdura si intende qualsiasi ortaggio ad eccezione di legumi e patate. Quindi sì, sono verdure anche pomodori, insalata, melanzane, cipolle, zucchine, finocchi peperoni,...

2: RIEMPI META' DEL TUO PIATTO CON LE VERDURE.
Fai in modo che metà del tuo piatto sia sempre "occupato" da verdure, crude o cotte, che accompagnino o condiscano la portata principale.


3: AGGIUNGI VERDURE AL TUO PIATTO PREFERITO.
Assieme o accanto, reinventa la tua ricetta preferita inserendo un ingrediente in più: una o più verdure da cucinare allo stesso modo o da aggiungere grigliate, arrostite, impanate, al forno, magari crude nella pietanza stessa o affianco, come accompagnamento.


4: EVITA LE COTTURE CHE RENDONO SGRADEVOLE IL SAPORE DELLE VERDURE
Lessare le verdure non è una buona idea. Prima di tutto è un tipo di cottura che impoverisce di sali minerali e vitamine, in più le rende generalmente poco appetibili o addirittura sgradevoli. Non ci dimentichiamo poi che così facendo si libera quel vapore maleodorante che contribuisce a farci rifiutare vegetali preziosi come cavoli e broccoli. Le verdure, a differenza dei legumi, possono essere cotte poco o nulla senza dare nessun problema di digestione. Basta solo avere l'accortezza di tagliarle finemente se vogliamo cuocerle, scottiamole in pochissima acqua o brodo, che lasceremo evaporare, e rosoliamole semplicemente con poco olio e odori, o rosoliamole soltanto se stiamo preparando verdure naturalmente ricche di acqua. Oppure possiamo metterle in forno, o grigliarle semplicemente. In ogni caso, non ci scordiamo che il miglior modo di mangiare le verdure è a crudo (attenzione solo a lavarle accuratamente almeno con acqua e bicarbonato).


5: CONDISCI VERDURINE CRUDE O SCOTTATE CON UNA SALSA LEGGERA, NE MANGERAI DI PIU' E PIU' VOLENTIERI
Servi carote, sedano, ravanelli, lattuga, cetrioli e altre verdure crude tagliate a bastoncino, oppure broccoli, cavoli, cavoletti appena scottati con una salsa leggera a base di yogurth e senape, ad esempio, e l'aperitivo è fatto! Condire con una salsa le verdure aiuta a mangiarne di più, lo ha confermato uno studio pubblicato sul Journal of the American Dietetic Association.


6: IMPARA AD AGGIUNGERE SAPORE ALLE VERDURE
Molti amano le verdure così come sono, e in effetti, se di qualità, non hanno tutto questo bisogno di essere insaporite. Ma aggiungere erbe aromatiche o spezie, ad esempio basilico alla dadolata di verdure, o passare le verdure cotte in un soffritto di aglio e peperone secco dolce, può valorizzare il tuo piatto e dare quel tocco in più che magari farà la differenza. Riflettiamo poi sul fatto che se i nostri figli non amano le verdure, probabilmente dipende dal fatto che le proponiamo loro cucinate in modo troppo semplice. Se non ami erbe e spezie, prova semplicemente a cambiare il sistema di cottura, evitando di lessare. Meglio soffriggerle in padella, cuocerle al forno, cuocerle al vapore oppure con pochissima acqua o brodo che lascerai evaporare per evitare l'effetto "brodaglia".


7: BEVI LE TUE VERDURE
Avocado, spinaci, cetrioli, carote, sedano, pomodori, ... Sono squisiti anche frullati, singolarmente o combinati tra loro, magari insieme a frutta fresca. Oltre ad essere un'ottima alternativa ai succhi di frutta, sono perfetti in estate per reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione!


8: LA FRETTA NON E' UNA SCUSA. QUANDO HAI POCO TEMPO, UTILIZZA VERDURE SURGELATE.
"Oggi non ho mangiato le verdure perché non avevo tempo". Chi non l'ha mai detto? Questa giustificazione però non regge. Tieni sempre nel freezer verdure surgelate (acquistando quelle al naturale o magari arrostite o solo leggermente insaporite, evitando in pratica quelle preparazioni che di verdura hanno ben poco), che a volte sono addirittura migliori del prodotto fresco, poiché lavorate e surgelate appena raccolte. Il consiglio è di evitare di lessarle se possibile, cuocendole in padella con poco olio, aromi, vino bianco o brodo se necessario. Basteranno pochi minuti! E se proprio hai tanta fretta, tieni sempre in frigo dell'insalata, dei pomodori, dei cetrioli, dei ravanelli, delle carote... già lavati dal giorno prima; taglia e condisci semplicemente, oppure aggiungili ai panini, come potresti fare con delle verdure tagliate a fette e arrostite precedentemente e conservate in frigo.


 Allora, pronti a questa nuova sfida?
Provate a mettere in pratica questi semplici trucchetti e fatemi sapere se anche con voi hanno funzionato!
Come di consueto, vi invito a commentare per qualsiasi domanda, riflessione, osservazione che vi venga in mente.

Vi saluto dicendovi "a presto", e spero sia così, ma c'è una grandiosa novità nell'aria, e quindi potrei tardare... Ma è ancora presto per dirvi di cosa si tratta, quindi... Continuate a seguirmi e ne saprete di più!




NB: alcuni di questi piccoli "trucchi" sono un'idea di Gretel H. Schueller, autrice del magazine e website EatingWell, naturalmente da me rivisti e rielaborati in chiave più "italiana".